La sequenza dei vini a tavola

 

 

I vini per gli aperitivi e per gli antipasti

I vini per l'aperitivo
Con gli aperitivi e con gli snack sono indicati sia i vini bianchi secchi, giovani e di stoffa leggera, sia i bianchi invecchiati, dal profumo intenso, il colore più carico e un tenore alcolico più elevato. Entrambi vanno serviti freschi. Anche i vini spumanti sono indicati; il loro alto contenuto di anidride carbonica e la loro acidità favoriscono infatti la produzione di sostanze gastriche che stimolano l'appetito.

I vini per gli antipasti
Con gli antipasti vanno preferiti i vini leggeri, non molto alcolici e non troppo strutturati. Con gli antipasti delicati e con quelli a base di pesce in genere sono ottimi i bianchi mediamente secchi e profumati (anche gli spumanti); con le preparazioni più corpose, come antipasti all'italiana, affettati o piatti regionali, possono andare bene anche vini rosati o rossi giovani.

 

I vini per i primi piatti

I vini per primi piatti asciutti
Sia che si tratti di pasta, di riso o di lasagne e cannelloni, per scegliere un vino da abbinare con le minestre asciutte è necessario prendere in considerazione le caratteristiche gustative dei vari tipi di condimenti. Con un sugo a base di pesce vanno preferiti i vini bianchi secchi di medio corpo, morbidi e aromatici, oppure i vini spumanti, scegliendo in base alla corposità dei pesci utilizzati nella ricetta. Per armonizzare con sughi di carne sono adatti vini rossi leggeri, più o meno corposi a seconda della complessità del piatto. Con sughi a base di cacciagione, sarà necessario ricorrere a vini decisamente generosi e robusti. Con sughi di verdure, ad esempio con la tradizionale pasta al pomodoro o con un risotto alle zucchine, si devono scegliere vini bianchi più giovani e leggeri, oppure rosati con buona gradazione alcolica.

I vini per le minestre
I vini adatti alle minestre in brodo (cappelletti, tortellini, riso o pasta) e alle zuppe di verdura sono i bianchi leggeri leggermente alcolici; con le minestre di legumi, come la classica 'pasta e fagioli', sono necessari vini più corposi, rosati di medio corpo, oppure rossi giovani e freschi. Importante avere l'accortezza di servirli a un temperatura un po' più bassa del solito.

 

I vini per la carne

Esistono molti tipi di carne rossa, cucinati in modi diversi a seconda della località e del gusto personale: sono moltissimi, di conseguenza, anche gli abbinamenti con il vino. In generale, le carni rosse si abbinano solo ai vini rossi, mentre con le carni bianche si possono scegliere anche vini rosati o bianchi.
Il pollame, il vitello e il suino con salsa di accompagnamento leggera si abbinano bene a vini rossi leggeri e giovani, ma anche a vini rossi frizzanti, a vini rosati o bianchi. Con un piatti saporiti, come il vitello tonnato, è preferibile scegliere un buon vino bianco. Le preparazioni a base di maiale particolarmente grasse richiedono, invece, vini rossi molto asciutti, corposi che 'sgrassano'. Con la carne rossa cucinata in modo leggero, come la classica 'fettina', e con le scaloppine, sono ideali i vini rossi giovani e leggeri di buona acidità con tenore alcolico discreto, oppure i rossi invecchiati di medio corpo.
Con i piatti saporiti, come gli arrosti e la selvaggina, vanno bene i vini rossi, più o meno invecchiati, corposi e serviti a temperatura ambiente. Lo stesso vale per i piatti in umido, a lunga cottura, come brasati e stufati che si abbinano bene con i rossi più corposi e di buon invecchiamento.
Con la carne fritta e con i piatti abbinati a salse grasse e succulente si devono scegliere vini rossi aspri, ad alta gradazione alcolica.
Se nella preparazione di un piatto è stato utilizzato un vino, non si possono creare altri abbinamenti, ma bisogna servire in tavola lo stesso vino usato per la ricetta, ad esempio con il 'risotto al barolo' si deve servire del barolo.
Con i salumi e gli affettati si abbinano bene i vini rosati di medio corpo.

 

I vini per il pesce

Come tutti sanno, con il pesce si preferisce da sempre il vino bianco: è una lunga tradizione che risale addirittura all'epoca romana. Generalmente questa regola viene rispettata, nonostante l'eccezione sempre più diffusa costituita da chi preferisce accompagnare alcune preparazioni, come il pesce in umido e le zuppe di pesce con un buon rosato o un vino rosso giovane e leggero.
Una prima distinzione va fatta tra pesci di mare e pesci d'acqua dolce, perché i primi, con un sapore più marcato, richiedono vini di maggior corpo e più invecchiati, mentre quelli d'acqua dolce preferiscono bianchi morbidi e profumati.
Molluschi e crostacei dal sapore delicato si accompagnano bene con vini bianchi morbidi e secchi oppure con spumanti leggermente frizzanti. Ottima l'aragosta al vapore con un buon bianco leggermente aromatico.
I pesci bolliti o accompagnati da salse leggere richiedono vini bianchi giovani, preferibilmente secchi e non troppo alcolici
Con il pesce arrosto sono adatti i vini bianchi leggeri con una certa gradazione alcolica e di buona acidità.
Con il pesce fritto è adatto un vino bianco secco, leggermente acido e piuttosto alcolico, preferibilmente con qualche anno di invecchiamento. In alcune regioni d'Italia, ad esempio in Piemonte, si preferisce accompagnare il pesce fritto con un buon vino rosso.
Con le zuppe di pesce e con i pesci cucinati con salse saporite o piccanti bisogna scegliere vini bianchi maggiormente strutturati e di buon tenore alcolico, oppure vini rosati di buon corpo o rossi leggeri. Ad esempio, il caciucco toscano richiede come degno accompagnamento un buon vino rosso poco tannico possibilmente della stessa zona. Anche un pesce grasso come l'anguilla preferisce l'abbinamento con un vino rosso leggero e di buona acidità.

 

I vini per i formaggi

Per stabilire il giusto abbinamento tra vini e formaggi è necessario prima di tutto distinguere fra i vari tipi di formaggio e conoscere le regioni di provenienza. In generale si preferiscono i vini rossi, ma per i formaggi freschi sono molto adatti anche i rossi leggeri e alcuni bianchi.
Con i formaggi a pasta dura, come Parmigiano Reggiano e pecorino, si accompagnano bene i vini rossi strutturati, di buon corpo e con un certo invecchiamento.
I formaggi a pasta molle in genere e i formaggi freschi, come tomini, mozzarelle e scamorze, richiedono vini bianchi leggeri a gradazione moderatamente alcolica e di buona acidità; con la mozzarella di bufala si possono servire anche vini spumanti. Il taleggio e tutti i formaggi a pasta molle stagionati e saporiti, si abbinano bene a vini bianchi di maggior struttura oppure a rossi di medio corpo. I formaggi speziati ed erborinati possono essere accompagnati da rosati giovani, quelli piccanti anche da vini liquorosi da dessert.

 

I Vini per le verdure e la frutta

In genere alle verdure crude, come alla frutta fresca, si preferisce non abbinare nessun tipo di vino. L'accostamento con il vino diventa più accettabile se gli ortaggi sono fritti in pastella oppure se fanno parte degli ingredienti di un'insalata mista a cui siano stati aggiunti altri alimenti, come prosciutto o formaggio. In questi casi si sceglierà il vino regolandosi in base agli altri ingredienti della preparazione.

 

I vini per il dessert

Anche se una tradizione consolidata vuole che i dessert vengano accompagnati con spumanti extra brut, brut o extra dry, in realtà i sommelier, ed ormai non solo loro, consigliano di non seguire il principio del contrasto con i dessert, in quanto l'abbinamento ideale avviene con vini amabili, dolci, o liquorosi.

Con il panettone, ad esempio, può essere servito un vino dolce e leggero; con dessert più elaborati e a base di crema si accompagnano bene i vini liquorosi; con i dolci al cucchiaio i vini bianchi dolci e gli spumanti semi secchi. I prodotti da forno, come i biscotti secchi e tutta la pasticceria di pasta frolla si possono abbinare a vini liquorosi, passiti e dolci. Se fra gli ingredienti di un dessert è presente un liquore è consigliabile utilizzare lo stesso come accompagnamento.

La cioccolata e i dolci a base di cioccolato fondente, meritano una piccola precisazione a parte. La cioccolata ha un sapore forte, che tende ad essere sovrastante e risulta quindi molto difficile trovare un vino adatto come accompagnamento. Il gusto coprente della cioccolata sovrasterebbe quello del vino, vanificandone la capacità di abbinamento. Quindi, strano ma vero, la cioccolata andrebbe servita con acqua minerale gassata fredda oppure abbinata a un vino liquoroso rosso e dolce, come del Marsala invecchiato oppure del Porto.

E-mail Stampa

Blog

~ ulteriori informazioni ~